Stai visualizzando Raunächte - un'antica usanza

Raunächte - un'antica usanza

Sono passati migliaia di anni da quando i nostri antenati nell'emisfero settentrionale hanno festeggiato per la prima volta i Raunächte. Qui vi parlerò di un'antica usanza e dei retroscena che l'hanno determinata. Potete poi fare i vostri paralleli con le storie e le idee di oggi.

Perché sono nate le vecchie usanze?

Ogni stagione ha la sua magia, ma anche le sue insidie. I tempi determinano il nostro comportamento e il nostro abbigliamento. Tre bisogni fondamentali - dopo quello della salute - caratterizzano non solo la nostra specie, ma ogni essere vivente che esiste su questo pianeta: Cibo, bevande e calore. Una volta soddisfatti questi bisogni, l'accoppiamento viene subito dopo. Per poter conquistare un partner attraente, dovete essere attraenti voi stessi. 

Tuttavia, gli ideali esterni di bellezza svolgevano un ruolo subordinato in un clan.

Artigianato, destrezza, intelligenza e, subito dopo, forza e velocità erano le qualità ricercate. Era semplicemente una questione di sopravvivenza. Per sopravvivere nei tempi primitivi, bisognava conoscere bene la natura, essere in grado di raccogliere scorte di cibo, acqua e legna da ardere, saper costruire e usare abiti e utensili, essere in grado di difendere se stessi, la propria famiglia e il proprio clan. In tempi rilassati, erano richiesti talenti per cose belle come la danza, la musica, l'arte, il fascino e l'eloquenza.

Per ringraziare la natura e gli elementi, perché i nostri antenati stavano bene e si prendevano cura di loro, e anche per mostrarsi nella luce migliore di fronte a potenziali partner, sono nate le feste a ciclo annuale. Le feste estive sono state probabilmente le prime ad essere celebrate. Durante i mesi estivi si svolgevano raduni di clan amici e affini. Ogni volta è stato ospitato un clan diverso. Le prime feste spontanee venivano celebrate perché le persone si rivedevano dopo tanto tempo ed erano felici. Si parlava molto, si scambiavano merci, si ballava, si faceva musica, si mangiava e si beveva sontuosamente. E poiché è stato così bello, si sono dati appuntamento all'anno prossimo. È così che i festival regolari si sono sviluppati a partire da incontri spontanei. Poiché gli artigiani producevano molto di più di quanto fosse necessario al loro clan, dovettero cercare un mercato più ampio per i loro prodotti.

Un festival di questo tipo era l'occasione ideale per offrire i propri prodotti a un vasto pubblico senza dover girare di villaggio in villaggio. Le feste estive di quei giorni sono all'origine di tutti gli odierni luna park e fiere. La gente voleva divertirsi, allora come oggi. Le feste si svolgevano dopo il completamento di attività importanti: la semina, le riunioni rilassate durante la fase di crescita e le feste del raccolto. Poiché l'uomo è sempre stato un essere socievole, cercava compagnia anche durante i tranquilli mesi invernali. A quel tempo doveva bastare il proprio clan, perché non era possibile viaggiare durante i mesi invernali. In questo periodo le cose erano più tranquille e riflessive. Non solo nei momenti di gioia, ma anche in quelli di tristezza e di paura, le persone si sono avvicinate, perché la vicinanza porta conforto, fiducia, forza e calore.

Come possiamo vedere, oggi non è molto diverso. Le caratteristiche si sono spostate e modificate, ma le esigenze di base sono rimaste le stesse. Quando facciamo festa, vogliamo un buon compagno di ballo al nostro fianco, quando siamo attaccati, un guerriero forte, e quando abbiamo fame, un cuoco con dispense ben fornite. Per quest'ultima e per altre esigenze moderne, un portafoglio ben riempito è di grande aiuto al giorno d'oggi. Oggi si tratta ancora di essere ben forniti e curati. Questo ci è dolorosamente chiaro quando i tempi si fanno più duri e i prezzi aumentano. A cosa serve tutto quel denaro se non c'è nulla da comprare?

Le antiche usanze si sono sviluppate a partire da queste esigenze e occasioni e sono state trasmesse alle generazioni future. Sono felice di trasmettervi questo, come mi disse una volta il mio bisnonno quando ero una ragazzina. Per la mia narrazione utilizzo i termini comuni e noti dell'epoca della cultura celtica... Mokosch o Mokoš è una delle madri della terra dell'Antico Slavo e indica la terra umida. Mokosh domina l'inverno, la pioggia e la neve. Il suo giorno è l'ultimo venerdì di fine ottobre fino al 1° novembre, Samhein.

È una dea della fertilità e protettrice delle donne, dei bambini, delle partorienti e delle madri che allattano. È la patrona della tessitura e della filatura e la protettrice di pecore e agnelli. Lei tesse i fili del destino del mondo. È la guaritrice e la veggente. Nell'antichità, le guaritrici, le cartomanti e le donne sagge erano spesso chiamate Mokosh. Nel primo cristianesimo era rappresentata come una figura terrificante, fatta di parti di vari animali, con zampe di gallina. Vecchia, mostruosa e brutta, è stata mostrata, il che è ben lontano dall'idea di una madre terra amorevole e protettiva.

Le feste dell'anno prima e durante le Raunächte (Notti della Razza)

Ogni stagione ha una magia, e per me l'inverno è la più grande. I nostri antenati conoscevano 5 stagioni: Primavera, estate, autunno e due inverni. Non seguivano il calendario, ma il sole e la luna. Per questo motivo le mie informazioni differiscono dalle festività del calendario. Le feste ufficiali nella nostra fattoria si svolgono sempre di sabato e si basano sulle feste del calendario, perché è in questo periodo che di solito vengono fissate le feste/festività. Per quanto ci riguarda, festeggiamo come i nostri antenati, secondo le fasi del sole e della luna. Qui presento due degli otto festival annuali che fanno da cornice al solstizio d'inverno e ai Raunächte.

Samhein - Luna nuova all'inizio di novembre

Tutto ciò che è nuovo nasce nel buio. Un seme nella terra, un albero nel sottobosco, un bambino nel grembo materno, un giorno inizia all'alba. Lo stesso vale per il ciclo annuale. L'anno celtico inizia a SAMHEIN dalla luna nuova di fine ottobre all'inizio di novembre, oggi Ognissanti. Con la luna nuova, all'inizio della stagione oscura. È l'ultima festa del raccolto. L'ultimo raccolto, bacche, noci e funghi sono nei magazzini. Da questo momento in poi, tutti i frutti ancora appesi appartengono alla natura e agli animali. Non è possibile raccogliere altro. I semi cadono a terra e vengono nascosti nella terra per poter germogliare nuovamente in primavera. A Samhein, i muri tra i due mondi sono sottili come carta. Possiamo parlare con i nostri antenati. Alla festa di Samhein, la danza si interrompe, tutto si ferma.

A Samhein è stato allestito l'albero dei desideri. Di solito si trattava di un piccolo albero morto prematuramente a causa della siccità o di una malattia. All'albero sono stati legati dei nastri con i desideri. L'albero dei desideri è rimasto nella piazza del villaggio di Samhein fino alla festa di Jul. Durante questo periodo, chiunque poteva legare il proprio desiderio ad essa. Per un clan o un villaggio veniva eretto un solo albero. L'antica usanza prevedeva anche di mettere un piatto con cibo e bevande per gli antenati defunti davanti alle porte o alle finestre e di accendere una candela alla finestra per aiutarli a trovare la strada. Gli specchi erano coperti da spessi teli, perché a Samhein gli spiriti potevano essere visti nello specchio e questo non era necessariamente desiderato.

A Samhein inizia il primo inverno e dura fino alla festa di Jul, il solstizio d'inverno
. Era il momento di controllare e mettere in sicurezza le scorte invernali. Tutti sono andati alla ricerca dell'ultimo bocconcino prima del letargo invernale. Quanto fieno è stato raccolto? Quanti animali possono essere nutriti durante l'inverno? Al più tardi a metà o fine novembre, tutti gli insetti che potevano rovinare la carne erano scomparsi. Era il momento giusto per macellare gli animali in eccedenza, per ingrassare e per essiccare la carne, cioè per renderla durevole. Nelle regioni vicine all'acqua, il pesce veniva pescato ed essiccato per l'inverno. Non solo la carne e il pesce volevano essere essiccati, ma anche le ultime bacche, le noci e i funghi che avevamo raccolto.

C'era ancora molto lavoro da fare prima di Yule. Le case e le stalle sono state arieggiate, spazzate e disinfestate. I semi sono stati selezionati e i magazzini sono stati protetti dall'umidità e dai ladri. Tutto ciò che tocca la terra in inverno marcisce. Così tutto ciò che viveva in superficie veniva appeso e tutto ciò che era sotto terra veniva impacchettato in sabbia asciutta per proteggerlo dalla luce. Un fumo fragrante si levava dagli affumicatoi. Le fibre ottenute durante l'estate, come lana, lino, ortiche, venivano selezionate e preparate per la successiva lavorazione durante le lunghe notti invernali. La legna da ardere è stata spaccata e accatastata più vicino ai caminetti. Non appena nevicava, era importante avere brevi distanze per raggiungere tutto ciò che serviva.

Tra la fine di novembre e l'inizio di dicembre, quasi tutti i lavori all'aperto erano terminati. Poi iniziarono le cosiddette SPERRNÄCHTE. Tutto ciò che poteva essere danneggiato all'esterno durante l'inverno doveva essere portato al sicuro. Le attrezzature agricole, gli abbeveratoi, le vasche, le pelli e tutto ciò che serviva all'esterno durante l'anno veniva portato nel fienile o in casa, per così dire, sotto chiave. Ecco da dove deriva il nome SPERRNÄCHTE. Ed è stato ripulito. Il manico rotto dell'ascia o del forcone finiva nella legna da ardere e durante l'inverno venivano intagliati e montati nuovi manici nella stanza calda. È sempre più buio, il sole non riesce più a sbucare all'orizzonte in alcuni punti.

Candele e lampade venivano prodotte con grasso animale e cera d'api. A quel tempo le finestre delle capanne erano molto piccole e non ce n'erano molte per mantenere il calore all'interno. Le uniche fonti di luce erano i caminetti, le lampade e le candele. La stagione buia mantiene la sua promessa. Molte di queste pratiche vengono svolte ancora oggi nello stesso modo. Oggi le SPERRNÄCHTE vengono suonate o con San Nicola il 6 dicembre, un'usanza del tutto nuova, o il 4 dicembre, il giorno di Santa Barbara, secondo la tradizione più antica, e durano fino alla festa di luglio, il solstizio d'inverno.

Il giorno di Santa Barbara si taglia un ramo da un albero da frutto, solitamente di ciliegio, lo si porta in casa e lo si mette cerimoniosamente in un recipiente con dell'acqua. Se il ramo di Barbara è sbocciato al solstizio d'inverno, è di buon auspicio per l'inverno. Nessuno si ammalerà, le scorte invernali saranno sufficienti e la primavera arriverà per tempo.

Jul Festival - Solstizio d'inverno 21 dicembre

Già allora era chiaro che l'occupazione dissipa il dolore. Oltre ai compiti quotidiani, i nostri antenati preparavano la grande festa. In fondo, si trattava di dimostrare al bambino del sole malato e al vecchio Mokosh che il sole sarebbe guarito e che il nuovo tempo fecondo sarebbe tornato. La prova più evidente è stata quella di mangiare le provviste invernali. Non è stato risparmiato nulla. I pezzi più preziosi furono estratti dai magazzini e preparati per la festa.

Prosciutto, filetto, frutta, noci, torte, pasticcini che i tavoli piegavano. Il clan era numeroso e potevano arrivare ospiti inattesi, ad esempio vagabondi o viaggiatori che non avevano un tetto sopra la testa. Al solstizio d'inverno, la gente condivideva generosamente e le porte erano aperte a tutti. Era considerato un peccato e un cattivo presagio allontanare qualcuno dalla porta quella notte. Così è diventato allegro, illuminato e festoso.

Tutto è stato preparato per il JUL-FEST. Mancava solo una cosa. L'albero di Natale, come diremmo oggi. E ora vi parlerò di un'usanza molto antica che è sopravvissuta fino ad oggi nel mio paese, la Croazia, almeno per quanto riguarda il nome. Anche lì si fa l'albero di Natale la vigilia. La vigilia di Natale è ancora chiamata Badnjak in Croazia. Badnjak era il nome dato al giorno e alla notte prima del solstizio d'inverno. Il nome deriva dalla parola Badanj, che significa grotta o albero cavo. Badanj è anche il nome dato ai grandi recipienti profondi usati per pigiare l'uva, bollire il bucato e lavori simili. I nostri antenati andarono nella foresta e cercarono un tronco d'albero cavo, delle dimensioni di un camino domestico.

I gambi migliori erano quelli ricoperti di funghi, muschio o licheni. Sono stati raccolti rami verdi di agrifoglio, rami sempreverdi di abete o abete rosso e vischio. Tutto ciò che è verde anche in inverno è vivo e promette un verde splendore in primavera. Il badanj, il tronco d'albero cavo, veniva usato come una cornucopia o una composizione floreale. Era riccamente decorata con nastri colorati, noci secche e bacche. All'interno si potevano inserire le liste dei desideri, perché i desideri non sono mai abbastanza.

Nel tronco cavo venivano collocati gli amuleti realizzati a questo scopo e tutto ciò che veniva in mente e non mancava in seguito. Anche il grano di Yule e il ramo di Barbara trovano posto sul badanj. In occasione della festa di Jul, al solstizio d'inverno del 21 dicembre, il sole diventa caldo e luminoso. I fuochi sono divampati. Da un lato, come segno che le persone erano ancora vive, dall'altro come invito a partecipare ai festeggiamenti. D'altra parte, i numerosi fuochi dovevano dare forza al bambino malato del sole.

Alla festa di Jul, l'albero dei desideri veniva posto sul falò all'aperto e il badnjak sul camino di casa. L'albero dei desideri portava i desideri all'altro mondo. Lì gli fu permesso di diventare un magnifico grande albero e i desideri si sarebbero avverati. Il badanj era un'offerta. Si rinuncia a qualcosa per ricevere in cambio qualcos'altro. A quei tempi non si mettevano persone sul fuoco. Ogni membro del clan era troppo prezioso per essere sacrificato, così come gli animali. Al massimo, finivano come banchetto nel fuoco o sulla griglia. Ancora oggi, in Croazia è consuetudine preparare un involtino a forma di vecchio tronco d'albero.

Che l'albero di Natale di oggi abbia avuto origine dall'albero dei desideri o dal badanj non ha molta importanza. Per me è importante prendere sempre un albero morto come un albero dei desideri. Mi rifiuto di togliere dalla vita un albero giovane e sano per questo scopo.

Gli auguri e i buoni auspici non sono mai stati superflui in questi giorni. Alla fine, l'inverno più profondo ha prevalso. Ci si riempiva l'anima di tanti auguri e si facevano previsioni per guardare con speranza al secondo inverno. Le notti erano lunghe e la paura molto presente. Prima di cadere nella tristezza invernale di quei giorni, si preferiva pensare di aver baciato qualcuno sotto il vischio, di aver espresso un desiderio nell'Aldilà con un'alta scintilla, di aver trovato una piccola moneta o di aver incrociato un gatto bianco e si sperava in un lieto fine. Ogni pagliuzza era un buon appiglio per il tempo a venire, perché sarebbe stata ancora dura.

Raunächte

La JUL-FEST ha segnato l'inizio del secondo inverno. Neve alta, grande freddo e isolamento affliggevano i nostri antenati. Il pasto festivo veniva preparato in modo tale da poter essere gustato per i giorni a venire, perché arrivava la RAUNÄCHTE e quello era il momento del silenzio e della contemplazione. Tutti i lavori all'interno e intorno alla casa sono stati interrotti. La festa è stata celebrata. Era un tempo di preghiera, di silenzio e di trepidazione. In pratica, era come una veglia per i malati. Le candele bruciavano, le conversazioni erano solo sussurrate, i vecchi saggi si ritiravano e osservavano ciò che accadeva fuori. Le osservazioni venivano effettuate di giorno e di notte, quindi c'erano sempre diversi osservatori. Ognuno dei 13 giorni rappresentava una fase lunare, un mese. Ci sono 13 giorni per il Raunächte, perché l'anno è composto da 12,5 fasi lunari e se aggiungiamo il tempo del Raunächte, ci sono esattamente 13 fasi lunari - 13 mesi. Ecco perché questo tempo è ancora chiamato il tempo tra gli anni. Non è successo molto in cielo durante questo periodo. I giorni si allungavano a fatica. È stato un periodo di attesa e di speranza. Gli antichi osservavano e registravano il tempo durante questi 13 giorni. Molto probabilmente disegnavano anche una runa o un altro oracolo sotto il quale veniva scritto il mese dell'anno successivo. Bruciavano incenso e pregavano.

Anche gli altri membri del clan non si sono seduti con le mani giunte. Nel silenzio, hanno orchestrato. Versare il piombo è un'usanza molto antica. Ancora più vecchio è l'oracolo della ricerca di un partner. Per trovare la persona giusta si usano biscotti di legno, bastoncini di legno, corteccia d'albero, pezzi di carta o di stoffa o qualcosa di combustibile. Questi pezzi venivano scelti al Badnjak o alla festa di Jul e inscritti o graffiati, in tempi più recenti con lettere o prima con simboli. Dovevano esserci 13 pezzi della stessa dimensione e dello stesso peso. 12 sono stati incisi e un pezzo è stato lasciato vuoto. I nomi, le professioni, le abilità o le caratteristiche del sesso desiderato potevano essere scritti o intagliati in questi pezzi di oracolo.

Tutti questi pezzi sono stati messi in un sacchetto di stoffa o in un cappello e sono stati mescolati bene. In ognuna delle 12 sere, un pezzo veniva estratto e bruciato senza essere visto nel fuoco del focolare. L'inganno porterebbe sfortuna. Il 13 sera è stato estratto e letto l'ultimo pezzo. Ciò che era scritto su di essa si sarebbe avverato. Questo pezzo veniva posto sotto il cuscino e si sperava di vedere in sogno la futura moglie o il futuro marito. Questo pezzo è stato portato con sé fino a quando la predizione si è avverata. Poi è stato bruciato, sigillando la relazione in modo che non potesse essere interrotta. Se il pezzo non segnato rimaneva, non era ancora arrivato il momento di trovare il partner giusto.

La RAUNÄCHTE inizia sempre un giorno dopo la festa di Jul, il 22 dicembre di ogni anno. Da molto tempo faccio dischi durante i Raunächte. Negli ultimi anni ho notato delle fluttuazioni. Alcuni anni, per l'esattezza ogni due o tre, l'inizio della Raunächte coincide con l'usanza più recente, il Natale. Secondo questa usanza, i Raunächte iniziano il 25 dicembre. Per sicurezza, registro entrambe le versioni.

Al più tardi a marzo dell'anno prossimo sarà chiaro quale delle due previsioni è effettivamente corretta. Le stagioni e i periodi di raccolta cambiano continuamente. Da ciò si evince la tendenza a determinare al meglio i preparativi per la semina e il raccolto. Un anno troppo umido o troppo secco comporta enormi problemi. Quindi non è importante l'insistenza su una data, ma il risultato. In ognuno dei 13 giorni viene registrato il tempo atmosferico. Ecco come dovrebbe essere il tempo nella corrispondente fase lunare dell'anno successivo.

Il primo giorno fino alla prima luna piena dopo il Raunächten, il secondo fino alla seconda luna piena e così via. Naturalmente non possiamo aspettarci di avere temperature estive in pieno inverno, quindi non è possibile prevedere con precisione il caldo o il freddo. Quello che si sa è che il tempo cambia in corrispondenza della luna piena, quindi si calcola sempre da una luna piena all'altra. Nelle previsioni, il vento indica un mese ventoso, la nebbia l'umidità, le precipitazioni la pioggia o la neve, il cielo sereno le giornate di sole. Alla fine del 13° giorno, il 3 o il 6 gennaio, a seconda dell'usanza che prendiamo come base, gli anziani saggi tornano al clan e consegnano il messaggio sull'anno che verrà. O ci si rallegrava e si festeggiava, oppure ci si metteva d'accordo e si discuteva sulle strategie da adottare in vista di un anno negativo.

A questo punto si percepiva gradualmente che le giornate si stavano allungando. Il vecchio Mokosh era riuscito a guarire il figlio del sole malato. Questa era la buona notizia che ci si aspettava. Il clan si svegliò dal torpore e tutti si dedicarono alle loro occupazioni invernali. Si ricominciava a cucinare, a lavare, a fare bricolage e a fare tutto ciò che si doveva fare in inverno. Le scorte erano ben fornite, soprattutto quelle che potevano essere conservate più a lungo. Previsioni o meno, una riserva sicura doveva esserci, e poteva sempre essere consumata in seguito.

Il secondo inverno era iniziato. Probabilmente c'era neve alta. Uscire di casa divenne arduo e di solito pericoloso. Qualsiasi infortunio o malattia può costare la vita in questo momento. E molti pericoli erano in agguato all'esterno: predatori affamati, alberi che scoppiavano o cadevano, morte per congelamento, caduta in un buco nascosto e chissà cos'altro. Il clan si è avvicinato e si è dato reciprocamente speranza, calore e sostegno.

Il bambino del sole recuperato rimarrà con il vecchio Mokosch fino all'inizio di febbraio, in occasione della festa annuale del cerchio IMBOLG. Deve ancora essere allattato per poter viaggiare di nuovo nel cielo. Il clan dà tutto per sopravvivere al secondo inverno. Le scorte invernali sono sempre meno. La primavera è un'occasione per tornare al più presto. Umiltà, gratitudine e rispetto sono le qualità che la nostra società deve imparare di nuovo.

Per troppi decenni, quasi nessuno alle nostre latitudini ha dovuto patire la fame e aspettare che la natura fornisse un pasto più sontuoso. Sarebbe auspicabile che le vecchie usanze fossero un'occasione per riappropriarsi di queste belle qualità. Una piccola rinuncia durante la Quaresima tradizionale potrebbe aiutarci a farlo. Tralasciamo il cioccolato, la carne, i dolci o qualsiasi altra cosa ci piaccia mangiare o bere. Quando poi lo mangiamo consapevolmente, ha un sapore incredibilmente delizioso. In questo modo, possiamo provare un po' di gioia per le nostre antenate quando il nuovo periodo fertile si ripresenta. Sono così felici che abbiano dovuto festeggiarlo.

I Raunächte arriveranno presto. L'anno porta con sé altre sei feste del ciclo annuale secondo l'antica usanza, di cui vorrei riferire. Le feste e le loro usanze si susseguono come un filo di perle durante tutto l'anno e si fondono l'una con l'altra. Ecco perché si parla di ciclo annuale e di feste a ciclo annuale.