Stai visualizzando Scendi dalle tue scarpe! Camminare a piedi nudi è così salutare

Toglietevi le scarpe! Camminare a piedi nudi è così salutare

Sono per noi ciò che le radici sono per gli alberi: I piedi ci mettono a terra, ci danno sostegno ed equilibrio. Fin dai primi passi da bambini, i nostri piedi ci accompagnano pazientemente nella vita di tutti i giorni. Eppure i nostri piedi troppo spesso conducono un'esistenza dimenticata. Camminare sempre con le scarpe e su pavimenti piani può essere un problema per l'intera postura. Un motivo in più per dedicare tempo ai nostri piedi e per camminare a piedi nudi ogni tanto. I bambini amano camminare a piedi nudi, sentono ancora istintivamente che è naturale e sano. Tuttavia, i piedi degli adulti non sono quasi mai all'aria aperta. Questo non è solo dannoso per la salute dei piedi, ma anche per la nostra salute generale.

Le calzature moderne ci hanno fatto dimenticare come muoversi in modo naturale.

A differenza dei popoli primitivi che ancora oggi camminano senza scarpe, noi non camminiamo quasi mai a piedi nudi. Di conseguenza, la maggior parte della nostra popolazione presenta deformazioni del piede, cioè piedi curvi, piatti o storti. Le nostre scarpe sono spesso troppo strette, troppo dure e poco flessibili, tanto che i nostri piedi si deformano nel corso degli anni. Inoltre, quando indossiamo le scarpe abbiamo un'andatura innaturale. Ci ribaltiamo sui talloni.

Questo comporta un'estrema sollecitazione dell'intera struttura ossea e, allo stesso tempo, una grave degenerazione dei muscoli del piede. Di conseguenza, i nostri piedi diventano deformi e deboli. I piedi, dotati di 26 ossa, 33 articolazioni, 20 muscoli e più di 100 legamenti e tendini, hanno bisogno di varietà per mantenersi in salute. Legato saldamente nella scarpa, questo manca. Non si tratta solo di forza e mobilità del piede, ma anche di equilibrio. Più spesso mettiamo alla prova i piedi camminando su colline e pendii, meglio è per loro.

La tribù dei Tarahumara del Messico è un ottimo esempio di popolazione indigena che ancora oggi cammina a piedi nudi. Non hanno problemi muscolari o articolari. La tribù è nota per i suoi corridori di ultra-distanza che percorrono distanze incredibili a piedi nudi. I migliori maratoneti del mondo provengono anche da regioni africane dove la corsa a piedi nudi è ancora la forma di corsa predominante. Studi scientifici confermano che in genere si corre più velocemente a piedi nudi. Un esempio impressionante di ciò è avvenuto a Roma nel 1960, prima della decisione sulla maratona olimpica. Le scarpe dell'etiope Adebe Bikila si erano consumate. Poiché in città non è stato possibile trovare un sostituto adeguato, Bikila ha deciso di correre a piedi nudi, come faceva nel suo paese d'origine. Ha vinto l'oro a tempo di record. Oggi gli atleti di atletica leggera corrono sempre con le scarpe. Ma queste sono molto leggere e non hanno quasi nessuna elevazione del tallone. Sono quindi completamente adattati al piede naturale.

I piedi sono lo specchio della nostra salute

Come mai il mal di schiena, l'osteoartrite o i problemi all'anca sono in gran parte sconosciuti tra le popolazioni indigene? Conosciamo tutti il detto "use it or lose it", che significa "usalo o perdilo". Di solito si tratta dei muscoli, che vengono scomposti dall'organismo se non vengono esercitati. Lo stesso accade con i legamenti e i tendini. Quanto meno i muscoli, i legamenti e i tendini sono sollecitati, tanto più si deteriorano. Le suole rigide delle scarpe provocano solo una parte del movimento delle 33 articolazioni del piede e la muscolatura del piede si atrofizza, determinando un carico scorretto. L'uso delle scarpe favorisce un rollio innaturale dei talloni, che sollecita eccessivamente la regione lombare, l'articolazione dell'anca e il tendine d'Achille. Questo può portare rapidamente al dolore o, a sua volta, a sollecitazioni errate su altre parti del corpo. Quest'ultima può addirittura provocare mal di schiena, artrosi o problemi all'anca. Camminare a piedi nudi aiuta a evitare questi pericoli. Camminando a piedi nudi, il piede può muoversi come vuole la natura. Il piede viene completamente mobilizzato, tutte le articolazioni vengono mosse e viene utilizzata l'intera muscolatura del piede. Camminare a piedi nudi aiuta a ricostruire le fondamenta, a mantenersi forti e a migliorare la postura.

Camminare a piedi nudi rafforza anche il senso dell'equilibrio e l'elasticità di tendini e legamenti. Camminare senza scarpe è utile anche per il sistema immunitario. Camminare a piedi nudi favorisce la termoregolazione del corpo: i prati umidi o la sabbia bagnata innescano un piacevole stimolo freddo che stimola positivamente il sistema immunitario.

L'estate è anche tempo di escursioni: fate una pausa ogni tanto e toglietevi le scarpe! Non è solo una bella sensazione, ma anche salutare mettere i piedi sul terreno naturale.

Riflessologia plantare: un metodo curativo di lunga tradizione

È evidente che le scarpe tradizionali sono dannose per l'anatomia del piede. Oltre a camminare a piedi nudi, la terapia delle zone riflesse del piede è anche un metodo efficace e curativo per alleviare o addirittura curare direttamente i disturbi (e non solo quelli causati dall'uso delle scarpe). La terapia della zona riflessa del piede è uno dei più antichi metodi terapeutici dell'umanità ed era particolarmente diffusa in Cina, India, Tibet, Egitto e anche tra i nativi americani, tra gli altri.

Nella medicina cinese si dice che l'intero corpo è trasportato dalla pianta dei piedi. Ma non si tratta di una mera funzione di supporto. Come la pelle, anche i piedi sono lo specchio della nostra salute. La nostra forza interiore, così come i deficit o le sofferenze, si possono leggere sui nostri piedi - come un tronco d'albero i cui anelli annuali mostrano i periodi "buoni e cattivi". I nostri piedi sono, per così dire, una mappa del nostro corpo e allo stesso tempo del nostro stato mentale. Essi memorizzano e registrano visivamente sia lo sviluppo personale (carattere, modelli di comportamento, stress, ecc.) sia lo sviluppo organico (organi, forze di flusso, canali di alimentazione). Esistono connessioni sorprendenti tra punti del piede e organi o parti del corpo distanti. Poiché i piedi sono strettamente collegati a determinati organi e parti del corpo, l'effetto della terapia delle zone riflesse del piede si estende a tutto il corpo.

Già in passato si sapeva intuitivamente che una pressione mirata su alcuni punti del piede fa fluire meglio la forza vitale nell'intera persona. L'applicazione sul piede consente di normalizzare tutte le funzioni degli organi, di favorire la circolazione sanguigna e di mantenere flessibili le articolazioni. Numerose malattie possono essere riconosciute attraverso i piedi e alleviate dolcemente con l'aiuto della terapia delle zone riflesse. La terapia delle zone riflesse si è dimostrata efficace, ad esempio, nel trattamento di malattie come i danni alla colonna vertebrale o ai dischi intervertebrali, i reumatismi, l'artrosi e altre malattie articolari. Inoltre, la terapia delle zone riflesse è utile anche per le cefalee, i disturbi digestivi, le malattie dei reni e della vescica, i disturbi addominali (come i crampi mestruali), le malattie respiratorie e i disturbi del sonno. La riflessologia va oltre la rigenerazione fisica e il trattamento sintomatico. Lavora con le forze vitali esistenti della persona, sia a livello fisico che psicologico. Dal punto di vista emotivo, dà anche la sensazione di "avere di nuovo un terreno solido sotto i piedi".